In questa guida spieghiamo come scegliere un portabottiglie da parete.

Attrezzare la cucina soggiorno, o la stanza da pranzo, con una selezione di vini, poggiate bene in vista in un portabottiglie da parete, è una moda che sta prendendo piede un po’ ovunque. Le case di vini del resto hanno impreziosito i loro prodotti con etichette accattivanti, ed è un piacere metterli in mostra, riponendoli nei portabottiglie da parete. Basta prenderne uno, o più, che facciano al caso tuo, e che siano in linea con i tuoi ambienti. Vediamo come scegliere un portabottiglie da parete.

Come Scegliere Portabottiglie da Parete

Sul mercato sono disponibili diversi tipi di portabottiglie da parete.

Portabottiglie da parete verticale forato in legno
Il portabottiglie da parete verticale in legno è realizzato con due liste di multistrato nobilitato, o di legno massello verniciato, poste verticalmente a binario sulla parete. Le due liste vengono distanziate da due supporti, generalmente dello stesso materiale, oppure in metallo, che servono anche ad ancorare solidamente la struttura al muro. Ambedue le liste sono forate lateralmente, in modo da potervi inserire le bottiglie in orizzontale, sostenute per il collo. Questo portabottiglie da parete è perfetto per una cucina soggiorno, o per un saloncino con banco mescita e bar, e regge in media 6 o 8 bottiglie per lato.

Portabottiglie da parete in ferro
Il portabottiglie da parete in ferro è un comodo portabottiglie realizzato con una struttura nuda, costruita con vari riquadri in tondino di metallo rivestito a caldo, o verniciato nero, o in acciaio. Alla struttura sono saldati in orizzontale altri riquadri, che fanno da portabottiglie in piano, con dei ganci sottostanti a cui agganciare i calici per il piede. Ottimo elemento d’arredo di stile minimalista, questo portabottiglie è molto pratico per tenere a portata di mano sia le bottiglie che i bicchieri, già pronti per qualsiasi occasione. Generalmente questo modello non arriva a contenere un numero elevato di bottiglie, ed è più adatto per i vini da dessert che per quelli da tavola. Un portabottiglie da parete da collocare in un salottino discreto, magari dove arde il fuoco di un caminetto.

Se invece cerchi un portabottiglie da parete artistico, che sia anche un oggetto stravagante e di buon gusto, allora hai solo l’imbarazzo della scelta. Vediamone alcuni.

Portabottiglie da parete in pelle
Il portabottiglie da parete in pelle va bene sia per un salotto elegante che per una zona di passaggio piena di quadri e riproduzioni d’autore. La sua struttura è molto semplice, ed è realizzata con delle fasce di pelle della larghezza circa della pancia di una bottiglia normale. Le fasce vengono tassellate a parete, a manica larga, almeno quanto basta a mettere dentro la bottiglia. I bordi, dove dovrai mettere i tasselli, sono rinforzati e borchiati, in modo da garantire la solidità sufficiente a sostenere la bottiglia. Generalmente questi portabottiglie da parete vengono venduti in serie di 4 o 6 fasce, ma li puoi trovare anche in confezione singola. Essendo separati l’uno dall’altro li puoi collocare in modo classico, e cioè in verticale, uno sull’altro, ma li puoi anche mettere singolarmente, dove più ti piace.

Portabottiglie in legno e fasce di metallo
Il portabottiglie da parete in legno e fasce di metallo sfrutta una base realizzata da una tavola di legno massello abbastanza larga, preferibilmente mogano, o noce, alla quale sono state avvitate delle fasce di un metallo, di natura sufficientemente armonica da non perdere la loro forma, che è simile a quella di una molla stirata. Le molle sono montate obliquamente verso il basso, e ospitano ciascuna una bottiglia capovolta. Una soluzione d’arredo davvero d’effetto, che è possibile inserire anche in un salotto d’epoca, o in un soggiorno con mobili antichi.

Portabottiglie da parete con doghe e staffe
Altra soluzione davvero originale è il portabottiglie da parete realizzato con un paio di doghe di legno, curvate a caldo fino a farle sembrare delle vecchie balestre d’automobile, sulle quali sono state impernate in orizzontale delle staffe in metallo satinato, o verniciato, dove vanno appoggiate le bottiglie. Tutta la struttura va applicata alla parete con viti a colletto e tasselli, usando i fori alle estremità delle due doghe. Viti e tasselli generalmente sono in dotazione con il portabottiglie, ma, se dovessero mancare, prendine alcune che siano dello stesso colore del metallo delle staffe.

Portabottiglie da parete ricavato da una trave
Il portabottiglie da parete ricavato da una trave è una soluzione perfetta per arredare un loft o una baita di montagna. Il sistema è abbastanza semplice, ma questo portabottiglie da parete non può essere realizzato che con un pezzo di travatura originale, oppure con una trave che sia comunque di legno massello, perché il multistrato non consentirebbe la stessa solidità e bellezza. Questo portabottiglie da parete è semplicemente un pezzo di trave, levigato e tirato a lucido, dentro il quale sono stati realizzati dei fori a tazza, in orizzontale e della larghezza del corpo della bottiglia. Ne trovi davvero di tante misure, lunghi anche fino al pavimento, o quasi, capaci di reggere dalle 6 alle 12 bottiglie ed oltre.

Portabottiglie da Parete più Venduti

Per concludere proponiamo una lista dei portabottiglie da parete più venduti online con i relativi prezzi.